Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen
Barcellona Europa Guida Spagna

Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città

on
06/05/2019

La guida (quasi) definitiva ad una delle città che amo di più!

Come si può spiegare Barcellona? Per quanto mi riguarda è molto difficile parlarne rimanendo neutrale.
Quì ho trovato un’atmosfera fantastica, una città bellissima, piena di opportunità e che non ti giudica, puoi essere chi vuoi passeggiando tra arte, buon cibo e tanto divertimento;

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen
Barcellona vista dalla terrazza di park guell

Storia

Le origini della città di Barcellona non sono molto chiare.
Alcuni dicono sia stata fondata dal figlio di Annibale, Amilcare Barca; quello che è sicuro è che l’impero romano riorganizzò la città come campo militare.

Negli anni Barcellona è stata sotto il controllo dei Visigoti, dei Mori e dei Franchi.

Grazie alla sua posizione strategica nel Mediterraneo è sempre stata una città ricca e prospera, arricchendo il centro di bellissimi edifici gotici, ancora adesso tra le principali attrazioni della città.

Nel 1700 circa la Catalogna perse l’indipendenza politica, e ancora adesso la questione è causa di forte tensione fra il governo catalano ed il governo centrale spagnolo.

Durante la guerra civile spagnola Barcellona si schierò per la Repubblica, la città venne occupata nel 1939 e con una forte repressione il regime abolì l’utilizzo della lingua catalana.

A guerra finita ed una volta ristabilita la democrazia, Barcellona cominciò un periodo di forte crescita economica e culturale portando la città ad essere la metropoli dei tempi moderni.

Cosa Vedere

Barcellona è una città ricca di storia e posti da visitare ed è una delle città con il maggior numero di siti Unesco.
Ecco secondo me, quelli da non perdere!

Sagrada Familia

E’ probabilmente l’edificio più famoso della città, nonostante la controversa storia è il monumento più visitato di spagna con 3,2 Milioni di visitatori l’anno.

E’ l’unica basilica al mondo a non essere ancora completata, i più ottimisti sperano possa essere finita nel 2026, 144 anni dopo la posa della prima pietra.

I prezzi partono da un minimo di 14€ fino ad un massimo di 38€, a seconda del pacchetto acquistato e se con guida o meno!

vi rimando al sito ufficiale per info più dettagliate!

PRO TIP di Sara Fabrizio: Gli under 30 possono usufruire di uno sconto del 50% per visitare la basilica tra le 18 e le 20 del giovedì e venerdì!
Park Guell

Nato come ambiziosissimo progetto di urbanizzazione, nonostante non abbia svolto la funzione per cui era stato progettato ed ideato ha da subito riscosso un grande successo fra la popolazione della città.
Nel 1922 fu ceduto al comune di Barcellona, diventando di fatto un luogo pubblico di eccellente popolarità, culminata con la dichiarazione di patrimonio Unesco nel 1984.

Il prezzo del biglietto per accedere alla parte monumentale del parco parte da un minimo di 10€ fino ad un massimo di 22€, qui trovate il sito ufficiale con tutte le informazioni!

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen
La terrazza di Park Guell di Barcellona
Casa Battlò

Come per Park Guell, Gaudì ha trasformato le richieste di un privato imprenditore, in una delle maggiori risorse turistiche per la città di Barcellona.
Si dice che questa sia una delle sue opere più originali, anche questa, patrimonio Unesco.

Il prezzo per visitare la casa parte da un minimo di 22€ fino ad un massimo di 37€ che comprende la visita guidata “teatrale” ovvero con guide che vi faranno immergere appieno nell’atmosfera di questa casa!
Qui trovate il sito ufficiale

Casa Milà (La Pedrera)

Nel cuore del quartiere dell’Eixample, sorge un’altra delle più famose costruzioni di Barcellona, Casa Milà, anche questa progettata da Antoni Gaudì e indovinate? E’ diventata patrimonio Unesco nel 1984!

Casa Milà ha un costo medio di 22€ ma vi consiglio di fare un giro sul sito ufficiale in quanto c’è un’ampia varietà di possibilità, tra cui la visita notturna con calice di prosecco sulla terrazza in estate!

Camp Nou

E’ lo stadio in cui gioca il “Barca”, oltre alla funzione sportiva lo stadio di Barcellona ha un’importante funzione sociale per il popolo catalano e la loro richiesta di indipendenza politica, anche per questo motivo è fortissima la rivalità tra il Barcellona ed il Real Madrid.
Il museo dedicato alla storia della squadra catalana all’interno dello stadio è il più visitato di Spagna.

Il biglietto che comprende il museo e la visita dello stadio costa 28€ (il ridotto per bambini 6-13 anni invece costa 21,50€) e potete acquistarlo sul sito del FC Barcelona o sul sito dell’ente del turismo di Barcellona

Castell de Montjuic

Il castell de Montjuic prende il nome dal promontorio (173 Metri) su cui sorge insieme a molte altre costruzioni.

Inizialmente nato come torre di vedetta, questo castello ha avuto un importante ruolo nelle guerre che hanno coinvolto Barcellona e all’interno di esso vi sono accaduti molti fatti importanti per la storia della città, fra cui la fucilazione di Lluís Companys, ordinata dal dittatore Francisco Franco.

L’ingresso al castello parte dai 3€ del biglietto ridotto fino ai 10€ a seconda del giorno e se acquistato on-line o in loco, come sempre vi consiglio il sito ufficiale su cui lo si può acquistare solitamente a 5€!

Palau Nacional / Museo Nazionale d’Arte

Sempre sul promontorio di Montjuic all’interno del Palau nacional, si trova il Museo Nazionale d’Arte di Barcellona.
All’interno è possibile trovare una delle collezioni d’arte romanica fra le più importanti al mondo.

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen
La terrazza del Palau Nacional che affaccia sulla strada che porta a Plaza de Espanya

I biglietti interi costano 12€ che salgono a 14€ con un’audioguida e a 16€ con l’accesso alla terrazza superiore, potete acquistarli a questo link.
Come la maggior parte dei musei vi sono dei giorni dell’anno e del mese in cui è possibile entrare gratuitamente:

  • tutti i sabati dopo le 15
  • la prima domenica di ogni mese
  • 18 maggio per la giornata internazionale dei musei
  • 11 settembre per la giornata nazionale della Catalogna
Arc de Triomf

A differenza della maggior parte degli “Archi di trionfo” quello della città catalana voleva rappresentare la vittoria del progresso scientifico, culturale ed economico.
All’interno dell’Arco di Trionfo è possibile vedere gli scudi delle 49 province spagnole.

Chiesa di Santa Maria del Mar

Considerato come uno dei maggiori esempi di architettura gotico catalana è conosciuta anche come “La chiesa dei marinai” trovandosi nella zona mercantile e portuale della città.

L’ingresso è a pagamento dalle 12 alle 17 (3€) mentre le altre ore si accede gratuitamente; da Marzo ad Ottobre è aperta la terrazza con un costo di 5€, ma se vi si accede durante l’orario a pagamento si pagheranno solo i 2€ di differenza rispetto all’ingresso!

Cattedrale

Costruita sui resti di altre chiese, la cattedrale della Santa Croce e Sant’Eulalia è la sede dell’arcidiocesi di Barcellona.

La leggenda narra che Santa Eulalia, patrona della città, fu messa all’interno di una botte chiodata e fatta rotolare giù per una strada, adesso chiamata “Baixada de Santa Eulàlia” (La discesa di Santa Eulàlia)

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen
Dettaglio della facciata della cattedrale di Barcellona

Per quanto riguarda i prezzi di accesso alla cattedrale, vi rimando a questo blog molto preciso e dettagliato!

Hospital de la Santa Creu i Sant Pau

E’ strano pensare di vedere un ospedale tra i luoghi da visitare di una città vero?
Beh fidatevi, questo ospedale è speciale!
E’ citato come uno dei migliori esempi di modernismo pubblico, ha dei bellissimi giardini, padiglioni ed un museo da visitare.

Sul sito ufficiale è indicato un prezzo (intero) di 14€ (19€ per la visita guidata) ma ci sono stato in febbraio e ho pagato 9€ (forse mi hanno scambiato per uno studente), per cui vi consiglio di provare ad acquistarli direttamente in loco!

La maggioranza di queste attrazioni applica sconti (anche del 100%) per disabili e bambini.

I prezzi spesso cambiano tra alta e bassa stagione, per cui vi consiglio di rifarvi sempre ai siti ufficiali, ricordandovi che siti come “musement” o “get your guide” applicano spesso delle commissioni!

Che fare

Come detto, Barcellona ha molto da offrire, qui vi elenco le cose che durante le mie visite (per ora sette!) non possono mancare.

Visitare uno dei tanti Rooftop Bars

L’Eclipse, il Sunset Lounge e l’Ohla Chill Out Terrace sono solo alcune delle tante terrazze con bar di Barcellona, per avere più info ti mando all’articolo “Rooftop Bars, I migliori di Barcellona”

Passeggiare sulla Barceloneta

Probabilmente non è la spiaggia più bella di Barcellona, ma è sicuramente la più rappresentativa è famosa.
Lasciatevi trasportare dall’atmosfera quasi californiana di questa spiaggia fra skate, pattini, palestre all’aria aperta, campi da beach volley e ristoranti!

Visitare “La Boqueria”

Ogni grande città che si rispetti ha il suo mercato centrale, Barcellona non fa eccezione. Prendetevi un’oretta per passeggiare fra i suoi colorati banchetti approfittando degli assaggini.

Visitare il Camp Nou

Anche se non siete amanti del calcio, andare a vedere una partita al Camp Nou è un’esperienza da valutare, basti pensare che ci gioca Messi!

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen
Il camp nou di Barcellona visto durante la visita guidata
Scalare il Tibidabo

Il Tibidabo è la collina che svetta su Barcellona su cui si può trovare una bellissima chiesa in stile gotico che sul punto visitabile più alto raggiunge i 575 metri slm.
Ma l’attrazione principale di questa collina è sicuramente il parco giochi che vi sorge sopra.
E’ il terzo parco giochi più antico d’Europa (primo in Spagna) e le attrazioni al suo interno sono le stesse da quando il parco ha aperto nel 1901!

Passeggiare nel Parc de la Ciutadella

Costruito in occasione dell’esposizione universale del 1989 è il principale parco della città al cui interno vi si può trovare lo zoo e la sede del Parlamento della Catalogna.

Fare aperitivo in Placa Reial

Quasi nascosta passeggiando sulla Rambla, sulla sinistra si trova la “piazza reale”;

Una piazza di forma quadrata circondata da palme, qui si trova la “Fontana delle Tre Grazie” ed i “Lampioni”, primo contributo di Gaudì alla città di Barcellona.
Ma Placa Reial è famosa soprattutto per i suoi bar, che dall’aperitivo, fino a notte fonda (e mattina inoltrata) animano la piazza.

PS: C’è anche un bar segreto la cui terrazza affaccia direttamente sulla piazza; essendo segreto, dovrete scoprire come arrivarci. Vi do un suggerimento, ha a che fare con il fumare la pipa!

Assaggiare i pinxos in Calle de Blai

Parlando di aperitivo a Barcellona, non si possono non citare i “Pinxos”!

I Pinxos sono praticamente delle fette di pane, condite con i più vari elementi, l’alimento in sé e per sé non è niente di eccezionale, ma questa via rappresenta al meglio “l’aperitivo catalano”!

Al prezzo di 1€ è possibile provare un pinxo e sempre per 1€ sarà possibile avere una “cañita” ovvero una birra piccola!

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen
Questi sono i classici Pinxos di Calle de Blai!
Il Tramonto dai Bunkers del Carmel

Fuori dai normali tracciati turistici ci sono i bunkers del carmel, costruiti durante la guerra civile come postazione antiaerea sono stati lasciati a se stessi fino a quando non sono stati riscoperti come uno dei punti panoramici migliori della città!

Musei di Barcellona

Se siete amanti di storia, di arte, di cioccolata o di qualsiasi altra cosa, a Barcellona probabilmente troverete almeno un museo che ne parli.
Tra i miei preferiti ci sono, ovviamente il “Museo della cioccolata” ed il “Museo dell’erotismo

Shopping

Ebbene si. Nonostante non sia un amante dello shopping fine a sé stesso, a Barcellona ci sono cascato.
Dire che Barcellona sia un centro commerciale all’aria aperta è sicuramente un’esagerazione, ma neanche troppo!
Vi basterà camminare tra le stradine di questa città per trovare negozi e boutique di tutti i tipi, se invece siete tipi da centro commerciale:

  • “El corte Ingles” in Placa Catalunya, è praticamente la Rinascente.
  • “Maremagnum” il fatto che sia costruito sull’acqua, vale già la pena. Si trova alla fine (o inizio) della Rambla, nella zona del porto
  • “Diagonal Mar”, in uno dei quartieri più chic di Barcellona si trova questa “cittadina commerciale”, fra le più complete e varie della città
Passeggiare nel “Barrio Gotico”

Il quartiere gotico di Barcellona è uno di quei posti in cui basta passeggiare per innamorarsene!
Già che siete a passeggio, per una pausa cercate il Bar Jardìn, nascosto dietro a dei piccoli negozietti!

Assistere ad un concerto nel “Palau de la Mùsica Catalana”

Considerato il più grandioso esempio di edificio modernista catalano al mondo, solo questo dovrebbe bastare per convincervi.

Passeggiare sulla Rambla

Ed infine, la passeggiata sulla Rambla.

Devo essere totalmente sincero? Ci sono cose migliori da fare e vedere a Barcellona, ma è comunque da fare una volta in questa città!

Bere al Dry Martini

Questo locale rientra da anni nella lista dei 50 migliori Cocktail Bar del mondo, e si, il loro pezzo forte è il dry Martini; Hanno un contatore a parete che scatta ogni volta che un Dry Martini viene venduto, nel gennaio 2017 (ultima volta in cui ci sono stato) erano oltre al milione!

Cannabis Social Clubs

Non sono un consumatore, ma come in Olanda anche qui ci sono dei locali “sociali” adibiti al consumo di cannabis.

L’ingresso è solitamente riservato ai soci e per essere soci, si dovrebbe essere residenti in Spagna ma ho visto molti turisti entrare ed uscire!

Cosa Mangiare

Senza troppi giri di parole, ecco i piatti assolutamente da assaggiare a Barcellona!

“Arroz” e “Paella”

Qualcuno potrebbe dire che la Paella non sia di Barcellona ma di Valencia, ed avrebbe ragione;

Ma al ristorante “La Salamanca” sulla spiaggia de la barceloneta si può mangiare un’ottima Paella!

Esqueixada de bacallà

Altro non è che un’insalata a crudo con baccalà, olive, cipolla, sedano e pomodorini.
Un ottimo contorno per sentire a pieno il sapore del mediterraneo

Sopa de Fredolics

Non l’ho assaggiata e non ho intenzione di farlo, ma se state cercando qualcosa di nuovo questa è una zuppa di lumache!

Zarzuela

Una zuppa di pesce, cucinata e servita (di solito) in un piatto di terracotta che la rende molto saporita.

Tortilla de Patate

Alcuni potrebbero dire che non si tratta altro che di una frittata con cipolla e patate, ma se ben fatta è qualcosa di abbastanza diverso, meno secca e più saporita.
La migliore che abbia mangiato me l’ha cucinata il mio amico Chaco a casa sua!

Los Calçots

Uno dei cibi più amati dalla popolazione catalana.

Sono una variante di cipolla, dalla forma molto allungata vengono cotte alla brace e mangiate “a mano”.

Sangria

Non è un cibo direte voi, ma lo può diventare se si considera la frutta usata! Il prezzo della Sangria quì è piuttosto basso, approfittatene.

Hamburger BACOA

Chiaramente non è un piatto tipico di Barcellona, ma nella mia esperienza a Barcellona si mangiano, in generale ottimi Hamburger. (l’H maiuscola non è un caso)

Uno dei migliori lo potete sicuramente trovare in uno dei BACOA, a Barcellona ce ne sono tre!

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen
Un hamburger di uno dei BACOA di Barcellona
Pan amb tomaquet

“Semplicemente” pane tostato con pomodoro, ma provate ad aggiungerci una fetta di Jamon Serrano!

Chorizo

Per Chorizo si intendono i classici salami catalani, normalmente arricchiti di Paprika!

Patatas Bravas

Se andate in un bar a bere qualcosa, non potete non provare queste patate dal sapore decisamente forte.

Crema Catalana

Non potevo non concludere con uno dei miei dolci preferiti in assoluto.

Una semplice crema viene servita in un “piattino” di terracotta e appena prima di essere servita, uno strato di zucchero di canna viene bruciato per creare una crosta di caramello!

Come Arrivarci

Io sono molto fortunato, da Bologna ci sono quotidianamente voli per Barcellona e se prenotati per tempo, circa un mese prima, il prezzo è quasi sempre sui 30€ A/R!

AEREO

La ritengo la soluzione migliore, dalle maggiori città italiane è facile da raggiungere, a prezzi molto accessibili ed il viaggio dura intorno alle 2 ore.

Una volta arrivati in aeroporto, raggiungere il centro è altrettanto facile:

Metro

Da poco hanno creato la linea della metropolitana che collega l’aeroporto al centro città, ha un prezzo di 5/6€ e si raggiunge Plaça Catalunya in circa 40 minuti.

Vi basterà seguire le indicazioni per la metro e in circa 5 minuti ci si arriva (la stazione è fuori dall’aeroporto).

Aerobus

La trovo la soluzione più comoda, si prende appena fuori dal terminal e con 5,90€ si arriva direttamente in Plaça Catalunya passando per Plaza de España.

PS: Per fare il percorso inverso, fate attenzione al terminal da cui parte il vostro aereo, l’aerobus A1 porta al terminal 1, l’A2 al terminal 2.

Taxi

Costa circa 35€ e impiega praticamente lo stesso tempo del bus e della metro, a meno che non abbiate necessità di arrivare direttamente al vostro alloggio ve lo sconsiglio.

TRAGHETTO

Essendo uno dei principali porti europei il traghetto è sicuramente una delle opzioni possibili per raggiungere la città.

Per poter avere una panoramica sui prezzi, che sono molto variabili vi rimando a questo sito.

PS: Una volta individuato il traghetto che fa per voi, date un’occhiata ai siti ufficiali delle compagnie, Directferries normalmente applica delle commissioni al prezzo.

BUS

In realtà non capisco perchè continuo a inserirla come opzione, dal nord Italia il viaggio richiede fino a 18 ore e normalmente ha prezzi più alti di un biglietto aereo.

Flixbus è la migliore opzione in rapporto qualità/prezzo.

Quando Andarci

Per chi come me è abituato alle temperature del nord Italia, qualsiasi momento dell’anno è un buon momento per andare a Barcellona.

I mesi migliori per visitarla sono senza dubbio fra Marzo e Giugno; Da Luglio infatti le temperature iniziano ad essere molto calde ed afose fino a metà Settembre.

Ad Ottobre le temperature iniziano a rinfrescarsi ma sono comunque buone fino a circa metà Novembre.
Fra Dicembre e Febbraio le temperature sono più basse ma rimangono accettabili, fra i 13 ed i 17 gradi!

Vita Notturna

Perché per me la nomea di “città del divertimento e della notte” è parzialmente vera?

Perché Barcellona è sì una città molto viva nelle ore notturne, ma lo è in modo intelligente!

La maggior parte dei locali si trova in zone commerciali o lontane dalle zone residenziali (comunque facili da raggiungere e vicine al centro) mentre quelle in centro, hanno regole ferree per non disturbare la quiete cittadina; Per cui se vi immaginavate una città in cui sia impossibile dormire o piena di gente ubriaca che cammina e vomita per strada, rimarrete delusi.

Fare un resoconto completo della vita notturna di Barcellona è pressoché impossibile, qui sotto vi lascio qualche suggerimento ma se volete una guida approfondita e qualche consiglio (anche su come entrare gratis in quasi tutte le discoteche) allora vi mando alla mia guida completa sulla “vita notturna a Barcellona”

Discoteche “pettinate”

Qui si concentra la maggior parte della popolazione incamiciata e con i mocassini:

  • Eclipse, in cima al “W Hotel” in una terrazza che affaccia sul mare si può trovare uno dei DiscoClub più fighetti di Barcellona, in estate la piscina è aperta! Fanno ottimi cocktails.
  • Sutton Club, probabilmente la discoteca più “fighetta” di Barcellona, qui è difficile entrare e ha rigide regole sul dress code e l’età di accesso.
  • OPIUM, (insieme al Pacha che si trova di fianco) è una delle discoteche più famose e frequentate dai turisti, soprattutto i più giovani.
Discoteche

Se non avete intenzione di mettervi in camicia, cravatta e mocassini, ma volete solo ballare e divertirvi vi suggerisco questi locali

  • OTTO ZUTZ , fra i miei locali preferiti, vi consiglio di farci un salto al mercoledì per la serata Hip Hop!
  • RAZZMATAZZ, a differenza di tutti gli altri posti elencati sopra, in questa discoteca è facile trovare anche i ragazzi di Barcellona e non solo turisti.
  • SALA APOLO, una delle discoteche più belle e amate dai ragazzi di Barcellona, qui non dovrete assolutamente preoccuparvi dell’abbigliamento nonostante la struttura ricordi un antico teatro!
  • CITY HALL, questo locale si trova in Plaça Catalunya, la discoteca in sé e per sé è carina ma niente di speciale, la cosa bella?
    Le lezioni di salsa e bachata a 5€ il lunedì sera (con discoteca inclusa)
Bar

Se saltare, urlare e sudare non fa per te. Se sederti ad un tavolino e gustarti un drink facendo due chiacchiere è quello che cerchi, dai un occhio a questi bar

  • OLD FASHIONED BAR, ok i prezzi sono leggermente alti ma questi ragazzi italiani fanno un davvero un buon lavoro e i loro drink sono ottimi, sul serio!
  • BOLLOCKS ROCK BAR, se vi scorre il rock nelle vene e vi stuzzica l’idea di bere in un locale con pezzi di moto appesi alle pareti, adesso sapete dove andare!
  • NEVERMIND, questo bar ha uno skate park al suo interno!
  • AKASHI, è una sala da Thé che fin dall’inizio vi porterà in un viaggio in Giappone.

Info Generali

Il turismo a Barcellona è una grande risorsa, tra le principali, ma negli ultimi anni il boom ha creato qualche problema con la popolazione locale a causa della maleducazione e sporcizia lasciata da alcuni turisti;
Questo vale in ogni posto che visitate, siate rispettosi e non sporcate/danneggiate la città!

Prezzi

Ho visitato Barcellona in tutto 7 volte e la cosa che mi ha colpito moltissimo è il cambiamento dei prezzi fra alta e bassa stagione.
Per esempio, a settembre l’accesso a Park Guell costava 18€, a gennaio 7€!

Se volete risparmiare visitate Barcellona fuori dai periodi di alta affluenza!

A Barcellona ho trovato i prezzi dei TAXI piuttosto economici, soprattutto se condivisi, tanto che nelle mie ultime visite a Barcellona non ho mai fatto la tessera della metro e ho sempre utilizzato i taxi.

A Barcellona non c’è UBER, ma c’è Cabify, la copia esatta spagnola!

Prese Elettriche

A livello di voltaggio, tutti i miei dispositivi non hanno mai dato problemi; Voltaggio e frequenza sono uguali a quelle italiane, controllate comunque sulle istruzioni dei vostri apparecchi!

Unico appunto, la maggior parte delle prese ha 2 fori, per cui i dispositivi con la presa a 3 avranno bisogno di un adattatore.

Mappe

Per muovermi dentro Barcellona, vi stra-consiglio “City Mapper”!
E’ un’app che vi da i percorsi a piedi e con i mezzi, l’ho trovato molto più precisa di altre mappe (coff.. coff.. google maps) sia come gps che come informazioni.
E poi se prendi un autobus lui automaticamente ti fa vedere il percorso e ti avvisa due fermate prima della tua!

Tessere ed Abbonamenti

Ci sono 3 tessere/abbonamenti per attrazioni e sconti, la Barcelona City Card, Hola BCN e la Barcelona Card, nella tabella vi spiego le differenze

VANTAGGICITY PASSHOLA BCNBCN CARD
Salta coda alle attrazioniNoNì (Solo in alcune attrazioni minori)
Sagrada Familia e Park Guell inclusiNoNo
Autobus Hop On/OffNoNo
Aerobus Andata e RitornoNoNo
Trasporti PubbliciNo (Ma si ha diritto al 20% di sconto sulla HOLA BCN)
Attrazioni GratuiteSagrada Familia e Park guellNoNì (Solo alcune attrazioni minori)
Sconto OnlineVendita solo Online
Prezzoda 75€ a 95€
(i servizi sopra elencati sono comunque tutti disponibili)
da 14,50€ a 33,70€ (a seconda della durata e se acquistata online o meno)da 41,50€ a 55€ (a seconda della durata e se acquistata online o meno)

Se le volete già acquistare vi rimando ai siti ufficiali:

CITY PASSHOLA BCNBARCELONA CARD

A Barcellona, oltre che agli autobus esistono i “ferrocarril”, dei treni che collegano alcuni punti della città non raggiunti dalla metro, passano molto spesso e sono veloci quanto la metro, trovate qui il sito con tutte le informazioni necessarie!

Info Generali / Pagamenti e Carte

Finché non riuscirà ad avere l’indipendenza dalla Spagna la moneta a Barcellona è l’euro!
I Pagamenti con le carte sono generalmente accettati ovunque, come in Italia, alcuni negozianti potrebbero chiedervi di raggiungere una cifra minima.

Negli sportelli Bancomat della Banca “Sabadell” oltre alla normale commissione applicata dalla vostra banca (se applicata) vi verrà chiesta un’ulteriore commisione; Se non sbaglio di 2,95€ (quando l’ho visto ho cambiato bancomat e non ci sono mai più tornato!)
Molto meglio gli sportelli della “CaixaBank” che si possono trovare praticamente ovunque.

I consigli dei “locals”

Nei miei molti viaggi a Barcellona ho avuto la fortuna di conoscere e diventare amico con molte persone originarie o che vivono a Barcellona, ho sfruttato queste conoscenze per farmi dare qualche consiglio da potervi girare!

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen

“Personalmente amo passeggiare tra i vicoli del quartiere “El Born” e perdermici, finendo sempre al “Euskal Etxea” in Carrer de l’Arc de Sant Vicenç, un bar che mi piace tantissimo in cui si beve bene e a prezzi molto bassi, però fate attenzione, è aperto solo dal giovedì al sabato dalle 18!”

Instagram di Alvaro

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen

“Siccome amo le birre artigianali non posso non consigliarvi di andare a “La Cervesera Artesana” in Calle Sant Agustí, 14!

Ci vado spesso anche con Alvaro, la scelta è molto ampia ma a prezzi contenuti!”

Instagram di Chaco

In Breve

A Barcellona si mangia bene, si beve bene e ci si diverte, ha prezzi in linea con quelli di una grande città italiana e tutto questo farcito da ben 9 siti patrimoni UNESCO ed un clima mite.
Devo aggiungere altro? No!? Allora ci vediamo lì!

Testo corretto ed editato da Sara Fabrizio

Foto

Ecco alcune foto scattate durante le mie visite a Barcellona

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Barcellona, Barcellona – la guida (quasi) definitiva alla città, Yùgen, Yùgen
Francesco Luca Labianca
Bologna, IT

Chi è Francesco? Difficile da dire, non sono mai stato bravo a descrivermi; un sognatore, nah! Ho sempre avuto i piedi per terra e preso decisioni solo dopo ore passate a pensarci su, l'unica che abbia mai preso di impeto è stata quella di lasciare il lavoro e buttarmi in questa avventura! Non mi ritengo un blogger o vlogger e non ho intenzione di diventarlo, ma ho voluto creare questo spazio per potervi raccontare le mie esperienze e ascoltare le vostre, per scambiarci consigli e fare sì che anche chi non ha la possibilità di scappare dalla routine possa almeno immaginarsi grazie a tutti noi, il bellissimo mondo che abbiamo intorno!

Translate
Cerca nel Blog